taglio capelli vichingo

Da qualche mese sembra farsi strada una nuova moda per l’acconciatura maschile, definita con l’appellativo di taglio capelli vichingo. Si tratta di un taglio scapigliato di lunghezza medio-lunga, completato da una lunga barba decorata da conchiglie, fiori e perle.

Come vedremo questo taglio NON si avvicina minimamente all’idea diffusa che molti di noi hanno: non si trattava affatto di sporchi, selvaggi dai capelli lunghi, frutto di una totale distorsione della realtà ad opera di autori non provenienti dalla Scandinavia. Non si trattava affatto, come riportano le cronache cristiane dell’epoca, di un popolo rozzo con abitudini barbare: Adamo da Brema, infatti, autore dell’opera Gesta Hammaburgensis ecclesiae Pontificum descrive questo popolo in modo poco credibile.

 

I vichinghi e i capelli: tra natura, magia e sapone

I vichinghi ritenevano che l’intero mondo naturale potesse essere compreso solo attraverso le regole magiche degli dei e degli spiriti degli antenati. Le loro scelte erano dettate da esseri arcani e contrastate da spiriti maligni legati al sangue, fortemente intriso di valenza simbolica. Ritenevano che nei capelli e nelle unghie, come in tutte le parti sporgenti del corpo, si celasse una fonte inesauribile di energia, motivo per cui i capelli dei vichinghi erano lunghi e portati raccolti.

Sfatiamo il mito del vichingo sporco

Recenti studi archeologici hanno dimostrato che i popoli del nord erano soliti usare tutta una serie di oggetti per l’igiene personale: pettini, pinzette, rasoi o speciali “cucchiaini” per le orecchie sono stati ritrovati in moltissime tombe svedesi. In alcuni antichi insediamenti norreni sono stati trovati migliaia di pettini, perline e conchiglie decorative, alcune anche ricoperte di pigmenti colorati. Questi ritrovamenti fanno ben intendere che la cura dei capelli per i vichinghi fosse indubbiamente importante e che in particolari cerimonie anche gli uomini decorassero capelli e barba.

I vichinghi producevano sapone, utilizzabile sia per la pulizia personale sia per schiarirsi i capelli, essendo tale sapone ad elevata basicità: pare che nella cultura vichinga i capelli biondi o rossi nell’uomo fossero oggetto di apprezzamento e fascino. Si ritiene, quindi, che lo schiarirsi i capelli fosse un comportamento usuale più per l’uomo vichingo che per la donna.

Le conferme dagli scritti storici

In alcuni scritti inglesi del 1500 d.C. i vichinghi erano considerati uomini “eccessivamente puliti”, a causa della loro abitudine di fare un bagno alla settimana, di sabato che nella lingua norrena era il “Laurdag” ovvero il “giorno della pulizia”. In Islanda, dove è facile trovare sorgenti calde, era consuetudine comune introdurre acqua riscaldata all’interno delle abitazioni per poter godere di bagni caldi detergenti.

Uno dei commenti più suggestivi è quello del chierico inglese Giovanni di Wallingford, priore di St. Fridswides, che si lamentava amaramente che i danesi pettinavano i loro capelli e facevano il bagno ogni sabato, cambiando frequentemente i loro capi di lana per compiacere le donne inglesi di alto lignaggio.

taglio capelli vichingo

Ornamenti e metodi per abbellire i capelli dell’uomo vichingo

Gli studi archeologici ci suggeriscono che di solito gli uomini portavano capelli lunghi fino alle spalle, forse con la frangia. Il taglio capelli vichingo potevano essere liscio, ricci o intrecciato in una elaborata coda di cavallo, in genere con i lati e la nuca rasata. Già Plinio il Vecchio ci informa circa la foggia dei capelli norreni e in particolare si sofferma sulla loro abitudine di tingere i capelli e la barba con soluzioni sbiancanti

Non possiamo dire che esista una vera e propria pettinatura maschile vichinga, comune in tutto il nord Europa: esse erano molto diverse a seconda della zona di provenienza. Alcune pare fossero più in uso di altre, alcune legate ad una particolare professione: gli schiavi, ad esempio, portavano i capelli molto corti; invece il ceto medio portava i capelli fino alle spalle e la barba lunga. I guerrieri dovevano stare attenti a scegliere un taglio che non permettesse all avversario di effettuare prese durante il combattimento. Proprio per questo si ritiene che l’acconciatura e il taglio dei capelli del vichingo guerriero fosse di certo lunga, ma raccolta in battaglia.

Taglio capelli vichingo